La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Redazione    Lunedì 25 Settembre 2017 21:57    Stampa
Centro sinistra al lavoro per un programma e una coalizione inclusiva
sottocosta - Politica Molise
Centrosinistra25sett2017CAMPOBASSO - In vista delle elezioni regionali del 2018, nella sede del Partito Democratico a Campobasso, si è riunito il tavolo della coalizione di centrosinistra indetto dalla Segreteria regionale del PD. Alcuni punti iniziali, di metodo e di merito, al centro della prima discussione, sui quali si è registrata la più ampia convergenza di intenti: visione, inclusione, programma e lavoro. Ma anche umiltà, impegno e responsabilità. Da qui, il riconoscimento rispettoso e reciproco degli interlocutori politici presenti al tavolo e la volontà comune di elaborare una piattaforma programmatica chiara e condivisa tra gli alleati, incardinata su interventi capaci di favorire il rilancio dell’economia e l’aumento dell’occupazione, non dimenticando lo spirito solidaristico che dovrà guidare ogni azione futura.
VISIONE. La cornice valoriale di riferimento è l’Europa e il rafforzamento del suo peso istituzionale e solidaristico. L’auspicio è contribuire da ogni territorio a questa marcia, evitando derive ultranazionalistiche, rinascere di desideri di confini e paure di diversità. Il voto di ieri in Germania deve farci riflettere tutti. Anche dal Molise va lanciato un segnale chiaro: il percorso e l’esito elettorale devono spingere verso quei desideri e quelle speranze di maggiore uguaglianza e vicinanza, condividiamo le sfide di una transizione difficile sul piano demografico, socioeconomico e culturale.

INCLUSIONE. Nel merito del confronto, i rappresentanti dei partiti della coalizione di governo, hanno evidenziato la necessità di ripartire dalla compagine politica che nel 2013 portò il centrosinistra alla vittoria contro il centrodestra ed il movimento 5 Stelle, che restano i due maggiori avversari politici.
Per questo, resta ferma la volontà del tavolo di interloquire con tutti i soggetti politici che hanno contribuito a costruire l’alleanza che quattro anni fa ha portato il centro sinistra alla guida della Regione. E andare oltre.
“I paesi molisani si sono spopolati e quelli che sono rimasti hanno patito l’isolamento culturale. Sempre tra loro, capaci sì di trovare qualcuno in piazza, ma non in grado di guardare oltre”.  Non si vuole che, a furia di arroccarci per temperamento o convinzione – e questo sarebbe ancora sano – o per tatticismo e cinicità – e questo sarebbe imperdonabile – alla chiusura dei singoli pezzi del centrosinistra segua una chiusura politica ancora più negletta. Quella della consegna o della riconsegna al passato politico del centrodestra, con una rinnovata guida ancora più pericolosa, quella di chi guarda al nostro Sud con approccio supponente, o quella di chi finta dopo finta prova a far credere che una S.r.l. e una finta primaria in rete sia il prologo per la vera libertà.
Per questo l’appello all’unità di tutti è reale e non formale, sentito e forte.
Compito primario del tavolo di centro sinistra sarà pertanto quello di costruire un’alleanza tra partiti e movimenti più ampia possibile, aperta al contributo della società civile e di tutti coloro che si riconoscono nel sistema valoriale del centrosinistra. Una coalizione capace di guardare al centro e a sinistra, anche oltre i movimenti e i partiti tradizionali, alle molteplici forme associative e ai singoli cittadini che vogliono tornare a partecipare e contare. Ma anche capace di apprezzare e valorizzare il lavoro istituzionale e amministrativo di quanti, in questi anni, si sono spesi per un governo competente del territorio.
Dunque, nessun veto e nessuna preclusione nei confronti di nessuno, nemmeno nei confronti degli amici che fanno capo all'Mdp, al quale il tavolo rinnova l’invito per un momento di confronto ampio e responsabile, utile a superare le divergenze e mettere al centro della discussione l’interesse generale del Molise.

Sulla scorta di queste premesse, il tavolo politico riunito in via Ferrari ha elaborato i primi punti programmatici sui quali costruire la più ampia convergenza di intenti:

LAVORO. Stella polare del programma elettorale del centro sinistra sarà l’occupazione, in particolare giovanile e femminile, e il rilancio delle imprese. Su questo binario, si registrano i primi importanti avvisi di inversione di rotta, dopo oltre dieci anni di recessione. Incoraggianti sono infatti i segnali che arrivano dall’andamento degli indicatori principali (crescita e occupazione) ma anche dalla vivacità che si respira dopo la pubblicazione dei bandi per il finanziamento dell’area di crisi e quelli rivolti al resto del territorio regionale, del Psr e della programmazione addizionale che certificano una capacità di ripresa che andrà corroborata dalle agevolazioni fiscali previste dalla Zona Economica Speciale, dalle risorse addizionali del Piano sud Molise e dalle misure previste dal decreto per il Mezzogiorno. Sostegno all’autoimprenditorialità, innovazione, incentivazione delle startup, incoraggiamento alla formazione professionale continua e lotta al precariato sono gli obiettivi per ammodernare ed efficientare l’intero sistema produttivo regionale, che va sospinto energicamente per intercettare la ripartenza sociale ed economica in atto su tutto il territorio nazionale ed europeo. L’abbassamento della pressione fiscale regionale, con un primo segnale simbolico, e la decisa marcia riformista per la riduzione della presenza del sistema pubblico regionale nelle imprese e in ramificazioni di soggetti non produttivi va ulteriormente favorita.Nelle famiglie che sentono i segni della povertà e che oggi ancora non avvertono la ripresa dovrà giungere forte una rinnovata speranza di un lavoro “vero”, dignitoso e soddisfacente.

Altri punti della piattaforma programmatica, aperta alla collaborazione di tutti, e che verrà discussa in modo franco, sono solidarietà, cultura, ambiente. Saranno i capisaldi sui quali concentrare i maggiori sforzi nei prossimi cinque anni, partendo dai primi risultati positivi registrati negli ultimi mesi. Elementi di ripresa ancora ancora deboli, che per questo vanno sostenuti con solide e mirate azioni di governo.

Assistenza socio-sanitaria pubblica e qualità dell’offerta privata, del sistema delle cooperative sociali e delle eccellenze, possono convivere con equilibrio, portando risultati sul piano dei servizi ai cittadini, completando il percorso riformatore con un’accelerazione dell’impiego stabile di personale qualificato. Solo così si potrà uscire dal primo doloroso tempo della riforma, per entrare in quello di una più efficiente qualità, in cui il miglioramento dell’attività sia percepito soprattutto dai più deboli

UMILTÀ. Al termine del mandato elettorale, occorre dunque ripartire dalla volontà di analizzare con diffusa autocritica costruttiva sia i risultati che gli errori commessi negli ultimi quattro anni e mezzo dal Governo a guida centrosinistra. Ma anche dalla consapevolezza di una responsabilità collegiale sulla attuale situazione economica e sociale. Ancora condizionata da incertezza, recessione, mancate riforme, divisioni e debolezza delle strutture amministrative che, sul piano locale, non sono stati utili alleati per la marcia verso il rilancio del Molise. Che si voleva più deciso e veloce, ma che pure si è avviato ed adesso va sostenuto con coerenza, per non affievolire il percorso di ricostruzione iniziato. Da qui, con capacità di giudizio e umiltà, ma soprattutto con la necessità di rivendicare l’impegno profuso per invertire la rotta, si riparte. Senza pregiudizi e steccati, attraverso un'analisi serena, un perimetro aperto, un orizzonte lungo, grande responsabilità, uniti contro gli estremismi e le destre antidemocratiche a guida Salvini e Grillo.

Sarà l’atteggiamento che dovrà caratterizzare l’intera azione della coalizione di centro sinistra nel confronto tra alleati e nella futura proposta politica da sottoporre al giudizio dell’elettorato. Mettere da parte gli steccati ideologici, ridurre le distanze tra la base e gli eletti, partecipare le decisioni e lavorare, all’unisono, recuperando lo spirito di servizio in favore dei cittadini e non solo degli elettori. Che, forti del rinnovato coinvolgimento, potranno riconoscersi negli sforzi tesi all’innalzamento generale della qualità della vita e del vivere insieme. Con la parte politica chiamata ad ascoltare prima di proporre, ricercando la collaborazione e l’unità di intenti, prima di decidere nell’interesse generale dei molisani.

IMPEGNO. I presenti al tavolo del centro sinistra assumono l'impegno di lavorare insieme con responsabilità al fine di elaborare una proposta programmatica condivisa che porterà alla vittoria del centro sinistra alle elezioni regionali del 2018.

PARTITO DEMOCRATICO
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO
CENTRO DEMOCRATICO
UNIONE PER IL MOLISE
DEMOCRATICI MOLISANI
RIALZATI MOLISE
MOLISE DI TUTTI
ALTERNATIVA POPOLARE
CENTRISTI PER L’EUROPA
AMBIENTE, LAVORO, GIOVANI: IMPEGNO MOLISE
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 22 Novembre 2017

La Soprintendenza può anche sbagliare!

La legge è legge ma può anche essere interpretata.TERMOLI - Non si può vivere senza legge! Sarebbe il caos totale. ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Termoli | 22 Novembre 2017

Renzi a Venafro, salta audizione in Regione su Zuccherificio. E' polemica di Si Molise

TERMOLI - Sono trascorsi 13 mesi dall’approvazione all’unanimità della Delibera n. 321 del Consiglio Regionale ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 30 Ottobre 2017

Il Termoli dilaga contro il Guglionesi e vince 4 a 0

Risultato “pokeristico” allo stadio Gino Cannarsa per il derby bassomolisano.  TERMOLI - Con un netto 4-0, ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Molise | 22 Novembre 2017

"Sbagliare è umano, perseverare è diabolico": questa la storia del turismo in Molise

CAMPOBASSO - "Quante responsabilità ha questo governo"- sostiene il Segretario della UILTuCS Molise- "Responsabilità legate ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino