La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Redazione    Lunedì 12 Marzo 2018 12:41    Stampa
Lettera di Petraroia ai neo parlamentari del Molise: ecco le priorità della regione
sottocosta - Politica Molise
M5StelleMolise Politiche2018CAMPOBASSO - On.li Parlamentari del Molise,
nel formularVi i migliori auguri di buon lavoro nella delicata funzione di rappresentanza della nostra comunità regionale, mi preme sottoporre sommessamente alla vostra attenzione qualche utile spunto con l’unico obiettivo di contribuire alla salvaguardia della dignità, dei diritti e delle prospettive dei molisani, in una fase che si preannuncia travagliata ed aperta ad ogni evoluzione/involuzione di qualsiasi tipo.
Recuperando un approccio istituzionale che antepone un’unità d’intenti sulle principali emergenze che assillano il nostro territorio, segnalo il pericolo di una lunga e tormentata transizione nazionale dovuta all’assenza di una Maggioranza stabile nelle due Camere, col rischio di dover fronteggiare un periodo di instabilità di Governo a fronte di urgenze amministrative, impellenze sociali e legittime aspettative popolari.
L’imminente conclusione dell’acquisto dei titoli del debito pubblico italiano in scadenza a condizioni ottimali da parte della Banca Centrale Europea esporrà la nostra economia alle fluttuazioni dei mercati azionari con speculazioni finanziarie che freneranno la già flebile ripresa economica. In un contesto competitivo sempre più violento a livello globale, e con le guerre commerciali intraprese dagli Stati Uniti con dazi doganali che arrecheranno notevoli danni alle esportazioni italiane, l’instabilità istituzionale limiterà ulteriormente i già risicati margini di manovra del nuovo Governo, qualunque esso sia e da chiunque sarà guidato. Non intendo elencare le molteplici insidie connesse con la Brexit, con i conflitti in Medio-Oriente e in Ucraina, con i flussi di immigrazione da Africa e Asia, e con la carenza di liquidità della finanza pubblica contemplati nella legge di bilancio dello Stato per il 2018 e probabilmente riconfermati nel DEF da adottare nelle prossime settimane. E’ ovvio che il Mezzogiorno e le aree meno sviluppate come il Molise risentiranno maggiormente dell’assenza di un Governo stabile e dei ritardi nei trasferimenti per garantire la funzionalità della Pubblica Amministrazione, gli investimenti produttivi ed il miglioramento delle infrastrutture. In un quadro simile nessuna forza politica, stante l’incertezza generale, potrà farsi carico della celere risoluzione delle molteplici emergenze che assillano la nostra regione, e a poco gioverà l’infuocato clima elettorale locale che dividerà ulteriormente il Molise in più fazioni contrapposte, con slogan evanescenti, buoni più per animare le opposte tifoserie che non a risolvere le questioni. Fino all’insediamento del nuovo Governo Regionale presumibilmente agli inizi di maggio, la regione fluttuerà tra le onde, nel mentre tutti saranno in attesa della fiducia parlamentare per il nuovo Governo Nazionale. 

Il vostro compito si preannuncia difficile sia per via della complessità delle questioni aperte e sia per il clima di veleni, contrasti e rancori, disseminati nel corso del tempo, che hanno portato a confondere gli avversari per nemici. In epoche remote, nonostante la maggioranza assoluta della DC, il PCI, il PSI ed i partiti laici, non lesinarono il proprio impegno appassionato per agevolare il raggiungimento dell’Autonomia Regionale, l’istituzione della Provincia di Isernia, la realizzazione di acquedotti, strade, scuole, ospedali, elettrodotti ed altre opere pubbliche essenziali per lo sviluppo del Molise. La competizione tra le forze politiche si giocava in positivo progettando e perseguendo il miglioramento delle condizioni di vita, di lavoro e di tutale sociale dei molisani, senza che ciò togliesse alcun chè alla diverse appartenenze culturali dei vari Ciampitti, Colitto, Sedati, Crapsi, Tedeschi, D’Aimmo, Marraffini, Lapenna, Campopiano, Petrocelli, Vecchiarelli, Sammartino o altri. Per venire alle scadenze più urgenti delle prossime settimane ne evidenzio qualcuna onde evitare il genericismo della mia istanza.

1) La necessità di far nominare il Procuratore della Repubblica di Larino e potenziare gli Organici della Magistratura e delle Forze di Polizia per fronteggiare l’infiltrazione mafiosa e l’acuirsi di furti, rapine e altri reati che si susseguono con ritmi incalzanti dall’area del cratere al Basso Molise fino a Vinchiaturo, Isernia e Venafro. 2) La Regione Campania ha autorizzato un mega-impianto di rifiuti a Sassinoro (BN) a pochi metri dal nostro confine e continua ad autorizzare installazioni eoliche a ridosso del Parco del Matese. 3) Presso il Ministero dello Sviluppo è in itinere la stipula del Contratto di Programma col Gruppo Amadori per il rilancio della filiera avicola. 4) Il CIPE ha deliberato il finanziamento di interventi significativi per infrastrutture stradali e ferroviarie che andranno appaltate a breve da ANAS e FS che recentemente si sono fuse in una sola società. 5) Il Piano Operativo Sanitario 2016-2018 approvato con legge nazionale dello scorso giugno prevede una miriade di adempimenti di competenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri esiziali per i cittadini molisani. 6) Il futuro delle Province ed il trasferimento del personale dei Centri per l’Impiego alle Regioni con l’attuazione delle Intese siglate a gennaio in Conferenza Unificata tra Stato e Regioni. 7)  La sottostima dei trasferimenti alle Università del Sud e ai piccoli Atenei che ne mina il futuro. 8) La messa in sicurezza di scuole, case, strutture sanitarie e del territorio esposto al dissesto idrogeologico con verifica degli impegni assunti a salvaguardia del Molise. 9) Lo smantellamento degli Uffici dello Stato dal territorio con soppressioni, accorpamenti e tagli di organico che mettono a repentaglio intere aree del Mezzogiorno. 10) La privatizzazione strisciante di beni pubblici universali come l’acqua. 11) Il futuro degli impianti produttivi meridionali e molisani del Gruppo FCA-FIAT.

Potrei menzionare una miriade di procedimenti in itinere nei Ministeri riferiti al Molise ma non intendo essere prolisso oltremisura e vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione che intenderete mostrare verso questa nota che oltrepassando gli steccati e rispettando ogni identità politica, mira esclusivamente a garantire attraverso un approccio istituzionale unitario, la risoluzione di parte delle problematiche più delicate della nostra comunità.
Michele Petraroia
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Larino | 19 Luglio 2018

Muore autista di Larino. Donati organi. Ispettori Ministro al San Timoteo

LARINO - È stata dichiarata la morte di Michele Cesaride, 47enne di Larino colto due giorni fa da aneurisma cerebrale ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Campomarino | 17 Luglio 2018

Interrogazione a Ministro Bonafede della Parlamentare di Leu Occhionero

CAMPOMARINO - La Deputata molisana Giuseppina Occhionero favorevole all'istituzione della Commissione antimafia. Domani la parlamentare in...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 3 Maggio 2018

Italiangas batte il Chieti e allunga la serie

TERMOLI - Vittoria!!! L'Italiangas Airino Basket Termoli batte tra le mura amiche del PalaSabetta i ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Molise | 17 Luglio 2018

Federagit sostiene Assessore Cotugno su progetto di portare Bit in Molise

CAMPOBASSO - La Federagit condivide in pieno il progetto dell'assessore al turismo, Vincenzo Cotugno di ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino