La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Redazione    Sabato 23 Giugno 2018 10:57    Stampa
No Tunnel deposita osservazioni su variante PRG contro il "Grande Scempio"
Termoli - Cronaca Termoli
NoTunnelFedericoIITERMOLI - Ieri mattina abbiamo depositato presso il protocollo del Comune di Termoli le nostre osservazioni contro l’adozione della variante al PRG 1/2018, votata dal Consiglio Comunale il 19 aprile, finalizzata a consentire la realizzazione del progetto che l’Amministrazione Sbrocca denomina “Mobilità Sostenibile”, mentre in effetti sarebbe un “Grande Scempio”, anzi il più grande tra i tanti scempi paesaggistici, urbanistici e culturali subiti dalla città di Termoli nell’ultimo secolo.
Con la variante, le aree del Piano di Sant’Antonio e della parte inferiore del Pozzo Dolce sono state riclassificate “ambito di riqualificazione AR1”, mentre nel PRG vigente sono classificate come verde pubblico e attrezzato (zona E3) e, per una piccola porzione, come aree per l’istruzione e per attrezzature di interesse comune (zona F3).
Ecco il sommario delle osservazioni che abbiamo presentate:

1.negazione del referendum consultivo;
2.il fabbricato polifunzionale non è tutto di pubblico interesse;
3.assenza degli indici e dei nuovi vincoli urbanistici da applicare al nuovo ambito di riqualificazione AR1;
4.omissione della valutazione ambientale strategica (VAS);
5.minaccia gravissima di crollo della Torretta Belvedere;
6.impatto con le fondamenta della seconda torretta;
7.rischio archeologico;
8.sbancamento del costone verde di piazza Sant’Antonio;
9.sfuma per sempre il sogno di ricreare la Villa Comunale su piazza Sant’Antonio;
10.snaturamento della fontana del Nettuno giovane;
11.stridente contrasto del teatro sul Pozzo Dolce con il contesto architettonico ed ambientale;
12.inquinamento di Piazza Sant’Antonio causato dagli scarichi delle auto che accedono ai parcheggi sotterranei;
13.insorgenza di gravi problemi dovuti al traffico in via Mario Milano;
14.inesistente incremento dei parcheggi a rotazione nel centro di Termoli;
15. depauperamento del patrimonio pubblico;
16.incerta sostenibilità economico-finanziaria del progetto;
17.mancata asseverazione del PEF e dubbia capacità economico-finanziaria del promotore;
18. inadeguatezza delle finestrature delle attività commerciali e ricettive.

Evidentemente non è possibile commentare in un comunicato stampa tutte le 18 osservazioni presentate, lo faremo in una apposita assemblea popolare, che terremo a breve; pertanto, in questa sede ci limitiamo a illustrare le prime due osservazioni.
Di fronte ad un progetto che implica un cambiamento radicale e permanente della configurazione fisica del centro di Termoli, la stessa Amministrazione Sbrocca avrebbe dovuto sentire l’esigenza di consultare i cittadini; ma se ne sono guardati bene, adducendo pretesti “tecnici”.

L’avv. Sbrocca - che tiene a far sapere di essersi laureato in giurisprudenza con una tesi sui referendum - afferma che, pur volendo, l’Amministrazione Comunale non potrebbe indire un referendum consultivo sul Grande Scempio, perché ciò equivarrebbe a contraddire la volontà espressa dalla stessa maggioranza. Questo sragionamento è infondato, in quanto il referendum consultivo non deve essere necessariamente contro un progetto, ma può essere anche pro; quindi, non ci sarebbe stata nessuna contraddizione se la maggioranza avesse chiamato i termolesi ad esprimersi a favore del progetto Mobilità Sostenibile.

L’altro pretesto ammazza referendum sventolato dalla Giunta Comunale è che i quesiti proposti a più riprese sono stati bocciati dalla commissione referendaria. Non vogliamo tornare per l’ennesima volta a criticare sia i criteri di formazione della commissione referendaria, sia le valutazioni da questa espresse. Tutto questo era assolutamente superabile nel momento in cui tutti i consiglieri comunali di minoranza il 15 maggio u.s. hanno presentato in Consiglio Comunale una mozione con cui hanno chiesto di sottoporre a referendum popolare consultivo il progetto Mobilità Sostenibile. Per bocca del sig. Mario Orlando, è stata posta la pregiudiziale, naturalmente approvata dalla maggioranza, che la mozione della minoranza non poteva essere neanche posta in discussione in quanto - e qui spunta un terzo pretesto - il Segretario Generale ha affermato che nel bilancio comunale non sarebbe possibile reperire i fondi per tenere il referendum.

Il progetto Mobilità Sostenibile approvato dalla Giunta Regionale il 3 agosto 2015, con la delibera n. 417, relativa alla “rimodulazione”, cioè fusione, del progetto del tunnel e di quello del parcheggio pubblico a rotazione, non prevedeva altre e diverse unità immobiliari. Invece, la Giunta Comunale di Termoli, il 5 novembre 2015, con la delibera n. 291, ha approvato la proposta in finanza di progetto della De Francesco Costruzioni e l’ha definita di pubblico interesse, benché essa si sia “arricchita” di unità immobiliari che di pubblico interesse certo non sono, come attività commerciali e ricettive, parcheggi e box privati, ed un teatro.

I 115.490 metri cubi del fabbricato polifunzionale affacciato al litorale nord sono così ripartiti per destinazione d’uso: tunnel (costruito nel fabbricato per circa un terzo della sua lunghezza) 5,2%; parcheggio pubblico a rotazione (inclusi locali tecnici) 47,3%; parcheggio privato (inclusi locali tecnici) 22,0%; teatro (inclusi locali tecnici e annessi) 11,7%; attività commerciali (inclusi magazzini) 10,0%; attività ricettive 3,8%. In conclusione, solo il 52,5% del volume del fabbricato polifunzionale (tunnel e parcheggio a rotazione) è definibile di pubblico interesse.

L’attribuzione al progetto del pubblico interesse consentirebbe all’Amministrazione Sbrocca di avvalersi illegittimamente della procedura amministrativa accelerata e semplificata indicata nel DPR 327/2001.

In passato l’Amministrazione Sbrocca ha goduto dell’appoggio incondizionato dell’ex presidente Frattura, che ha facilitato oltre ogni dire l’iter amministrativo del Grande Scempio. Confidiamo che il neo-presidente Toma, sia più attento ed imparziale di quanto sia stato il suo predecessore.

Comitato Referendario No Tunnel
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 18 Settembre 2018

Procura Larino chiede rinvio a giudizio per 41 persone per spaccio

TERMOLI - Duro colpo della Procura della Repubblica di Larino allo spaccio in Basso Molise ed a Termoli in particolare. ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Termoli | 20 Settembre 2018

No Tunnel, approvazione variante: «In gioco credibilità nuova Amministrazione regionale»

TERMOLI - Il Coordinamento No Tunnel comunica che tra mercoledì e giovedì di questa settimana ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 17 Settembre 2018

Termoli, Trofeo Svevia 2018: 300 alla partenza

TERMOLI - Abbiamo vissuto ieri Domenica 16 Settembre 2018 una splendida giornata di sport lungo ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 8 Settembre 2018

Estate Termolese, segretario Sib: "Stagione 2018 da dimenticare"

TERMOLI - "La stagione balneare 2018 è iniziata in sordina a giugno ed finita peggio ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino