La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Saverio Metere    Martedì 05 Febbraio 2019 11:44    Stampa
Metere: «Abbasso il Tunnel evviva Marino!»
Termoli - Cronaca Termoli
"Nemo propheta in patria", Termoli allontana i suoi figli migliori.
MetereMarinoMILANO - Ieri mi sono giunti da Verona - che per me rimane sempre famosa per Giulietta e Romeo - delle pubblicazioni di un caro amico e collega, un architetto laureatosi a Firenze e divenuto docente di Restauro in quella città. Una persona sensibile, intelligente e anche oltremodo modesta, nipote del grande poeta in vernacolo termolese Raffaello D’Andrea che a Termoli conoscono anche le pietre del Paese Vecchio e del nostro Castello federiciano. Gli scritti che mi sono stati recapitati a mezzo posta sono, prevalentemente, a carattere scientifico e relativi quasi essenzialmente a problemi del suo paese e della regione molisana. Anche lui, come tanti, dopo la laurea ha fatto una scelta di vita ad livello più alto e adatta alla preparazione specifica in materia di restauro e di urbanistica. E a viaggiato! Ha visto, osservato, studiato civiltà diverse dalla nostra. I suoi appunti sono diventati libri di ricerca per l’Università di Firenze e per quanti vogliano allargare le proprie conoscenze.
Un viaggio ad Amman, nella Giordania meridionale, ha dato luogo alla pubblicazione dal titolo “La tenda nera dei beduini”Un volumetto interessantissimo commentato anche con preziosi disegni fotografieLe tende degli arabi - scrive - rappresentano singolari edifici che si adattano ai luoghi dove sono collocati come soluzioni estreme in ambienti particolari”. Le descrizioni e l’abbondanza delle foto lo rendono prezioso e comprensibile anche per i non addetti ai lavori.

Sto parlando dell’arch. prof. Luigi Marinouno dei tanti figli termolesi strappati a Termoli dal richiamo di una vita più interessante, una scelta diversa. La mente fuori dei propri confini natii si dilata. In essa s’imprimono persone e cose, luoghi e storie che rimangono come bagaglio culturale da tirare fuori all’occorrenza, di volta in volta come i cassetti di Dalì. Si esorcizza il passato ricercando elementi e fatti che riguardano i modi in cui si è vissuti, la paranoia- critica vissuta nel proprio paese che consiste nella delusione sistematica con o senza allucinazione dei sensi...

Il secondo libro, presentato l’estate scorsa a Termoli e al quale ho avuto il piacere di assistere, ha per titolo “L’ingegnere sopra e sotto il Mare”.Tratta un argomento molto caro non solo ai termolesi ma a tutti i paesi che affacciano sull’AdriaticoTrabocchiin termolese trabbucche. Scritto insieme a due colleghi Paola Barone Olivia Pignatelli, docenti della medesima università, anche in quest’opera Marino non lesina foto e disegni di particolari costruttivi riprodotti “con mano di architetto”. Sono riportati e fotografati tutti i trabocchi dell’Adriatico, da Bari fino a quelli di Rimini e Riccione. Le tecniche e gli schizzi costituiscono un’opera preziosa a quanti vogliano conoscere queste macchine da pesca, che sono state uno dei primi approcci dell’uomo col mare anche a carattere commerciale. 
Sempre con gli stessi docenti e sullo stesso argomento, Marino scrive in francese “La construction des trabocchi, machines de pêche côtière”. Èun interessante opera che approfondisce alcuni aspetti dei trabocchi ad uso e consumo dei francesi. Anche questo lavoro si presenta con foto e disegni esplicativi.

E ancora, È del 2006 la pubblicazione effettuata con la collaborazione del Comune di Termoli e del Dires dell’Università di Firenze, di un lavoro dal titolo “Primo Corso/stage per la formazione di addetti al restauro architettonico/archeologico”. Una pubblicazione eseguita con la collaborazione di altri colleghi, tra cui l’architetto termolese Bruno D’Apice, impreziosito con disegni e foto anche di monumenti di Termoli.

Il suo ambito di docente di restauro, lo porta a scrivere - sempre in collaborazione con altri docenti - un interessantissimo libro dal titolo “Il centro di documentazione e formazione nel settore dei beni architettonici, Civitacampomarano (Molise)”. La storia e i monumenti dell’interessante paesino dell’interno della regione molisana vengono percepiti e trascritti con una dovizia di particolari con particolare riferimento al Castello Angioino.

Questa doverosa premessa ci porta a fare alcune considerazioni circa l’operosità di un termolese operante fuori del proprio paese d’origineLuigi Marino non è emigrato a Verona. Dopo la laurea ha trovato in questa città lo stimolo per estrinsecare meglio la propria personalità trattando argomenti sempre più vicini alla sua terra. I trabocchi, i castelli, le cattedrali sono solo occasioni per poter interessarsi di cose a lui care. La sua mente si è ampliata, la fantasia è volata verso universi più visibili dove la vita è più a misura d’uomo. In passato abbiamo avuto qualche contrasto a causa della costruzione del Tunnel termolese; io sono stato sempre per il sì! Ma, così mi scrive in un’email”...è la coesistenza di diversità che fa la qualità”. E ancora:“Su Termoli ci accomuna un forte senso di appartenenza che ci impedisce dilasciar perdere. Tutti e due abbiamo provato (e proviamo ancora), a suggerirepiccoli passi in avanti a gente che ha come unica passione “lo star fermi”. Mio nonno ricordava spesso il proverbio: “a lavar la testa agli asini si perde acqua, sapone e pazienza. E aggiungeva: acqua e sapone sono finiti e anche di pazienza me ne è rimasta poco. Certe volte penso che siamo come Don Chisciotte. Non saremo autolesionisti? Ho provato spesso a fare qualcosa per il Molise e per Termoli. Anche a fronte di ottimi risultati non sono riuscito ad incidere sulle realtà locali”.

Caro Luigi, parole sante! Io ci sto ancora provando e lo farò fino alla fine dei miei giorni. Non demordo, devo provare loro che ho la testa più dura.
Fra non molto ci saranno le elezioni amministrative. Figurati che bagarre! Tutti vorranno saltare sul carro del vincitore perché il posto
...a cassetta porta tanti vantaggi. Soprattutto economici!

A questo proposito sto affilando qualche sonetto politico-satirico-satanico perché, allo stato attuale, non vedo nessuno in grado di occupare quella poltrona tanto ambita. Magari se ti presentassi tu, potrei farti addirittura la campagna elettoraledi te mi fido! Termoli non ha mai avuto un sindaco architetto. E ce ne sarebbe proprio un gran bisogno!!!

A presto!
Saverio Metere



mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 19 Aprile 2019

Ruba borsa dentro auto, Termolese denunciato da Polizia

TERMOLI - Gli operatori della Squadra Mobile, inoltre, hanno denunciato a piede libero per il reato di furto aggravato L.M., ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Termoli | 19 Aprile 2019

Elezioni Termoli, M5Stelle Termoli riceve la certificazione per uso simbolo

TERMOLI - Il MoVimento 5 Stelle ha ricevuto la certificazione per utilizzare il simbolo alle ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 8 Aprile 2019

Risultati Athletic Club Termoli alla maratona di Roma

ROMA - La nostra società ha preso parte con un buon numero di atleti alla ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 30 Marzo 2019

A Termoli la bandiera Verde per le spiagge a misura di bambini. Venditti:molto contenti

TERMOLI - "Siamo contenti di aver ottenuto la bandiera verde. Dopo la mancata assegnazione di ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino