logo.png
Scritto da Redazione    Mercoledì 11 Febbraio 2009 10:07    Stampa
Aumentano le donazioni di sangue nel Basso Molise . Il Primario del reparto Spagnuolo esprime viva soddisfazione
Termoli - News Termoli
Viva soddisfazione è stata espressa dal Dott. Pasquale Spagnuolo, Direttore della Medicina Trasfusionale degli Ospedali di Termoli e Larino, per l'andamento delle donazioni di sangue e plasma nell'arco del 2008 nel Basso Molise. Sono aumentate di circa il 5% rispetto all'anno precedente, hanno coperto per intero il fabbisogno di sangue dei due Ospedali ed hanno permesso di contribuire in maniera significativa al fabbisogno regionale con l'invio al Cardarelli di Campobasso di circa 1.000 unità.


Il Dott. Spagnuolo, che è anche Consigliere Nazionale dell' A.V.I.S., oltre che a sottolineare che tutto il sangue prelevato proviene da donatori periodici, come raccomandato dalla Legge n. 219 del 2005, ha pure rimarcato il dato che il 90% circa è stato donato da donatori iscritti a tale Associazione, con un significativo aumento del numero delle donatrici.

Oltre all'A.V.I.S. Comunale di Termoli che ha contribuito con circa 2.000 donazioni, si sono distinte le sezioni di Montenero di Bisaccia, S.Martino in Pensilis, Larino, S. Croce di Magliano, Campomarino, S. Felice del Molise, Mafalda. Ma anche le altre Sezioni, seppur con numeri meno significativi, hanno dato un importante apporto, che ulteriormente crescerà nel corso del 2009.

Un ulteriore passo in avanti nella sicurezza delle trasfusioni è stato l'avvio, nel corso del 2008, della raccolta di sangue in sacche con filtro in linea, che permetterà di ridurre iol numero di reazioni trasfusionali. Altro obbiettivo raggiunto è stata la conferma, dopo visita ispettiva, della validità del Sistema Qualità che ha permesso alla struttura trasfusionale di Termoli di conseguire nell'anno 2007 la Certificazione secondo la norma ISO 9001/2000.

A breve parità, d'intesa col Reparto di Ortopedia diretto dal Dott. Roberto Regnoli, la raccolta di cellule staminali da utilizzare per uso topico, soprattutto nelle pseudoartrosi. Infine nei prossimi mesi si avvierà l'informatizzazione di tutte le attività trasfusionali in un collegamento, in rete, con le altre strutture regionali. Progetti ambiziosi che vedono coinvolta tutta l'equipe che collabora col Dott. Spagnuolo in uno sforzo di continuo miglioramento delle prestazioni.



     
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)