logo.png
Scritto da Tony Cericola    Sabato 24 Gennaio 2009 13:34    Stampa
Ci risiamo. Ancora lettere false ed ingannevoli del "Registro italiano in internet per le imprese" per truffare gli utenti della rete
Rubriche - MyVoice
TERMOLI _ Ci giungono in questi giorni numerose segnalazioni di utenti che hanno ricevuto lettere da un sedicente "Registro italiano in internet " tramite le quali si chiede, apparentemente, la verifica dei dati relativi alla propria attivita': i moduli sono in realta' una proposta di contratto per adesione per la fornitura di un servizio a pagamento.
L'Istituto di Informatica e Telematica del Cnr e il Registro del ccTLD .it sono del tutto estranei a tale iniziativa e hanno avviato, ancora una volta, le azioni necessarie per la tutela dell'eventuale diritto leso.

L'Autorita' garante della concorrenza e del mercato (http://www.agcm.it) ha piu' volte sanzionato analoghe iniziative in quanto fattispecie di pubblicita' ingannevole.
Il Registro del ccTLD .it informa di aver segnalato ai Maintainer l'accaduto, invitandoli a dare massima diffusione della notizia.
Quindi attenzione ad inviare via fax o posta il modulo ricevuto nella lettera di questo "Registro Italiano in Internet" poichè si  accetta di pagare Euro 958,00 ogni anno per 3 anni. La disdetta è prevista almeno 3 mesi prima dalla scadenza.
Se avete dubbi sulla scadenza dei Vostri servizi Web e del Vostro dominio, prima di firmare, inviare una email al Vostro internet Provider (spesso si confonde questa tipologia di lettera con quella relativa alla scadenza e cancellazione del proprio dominio, inviando il fax senza leggere attentamente).

MYSOCIAL (condividi l'articolo sul tuo social preferito)