La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Redazione    Domenica 25 Gennaio 2009 19:30    Stampa
Inchiesta Magnanapoli, parla Cristiano Di Pietro. "Andrò dai Pm di Napoli. Sono orgoglioso di quello che ho fatto nell'interesse dei cittadini"
Rubriche - MyVoice
MONTENERO DI BISACCIA _ "Sono più che mai convinto che i pm di Napoli stiano facendo un ottimo lavoro sono sicuro che non si faranno influenzare da nessuno. La mia iscrizione nel registro degli indagati è stata definita un atto dovuto per il proseguimento dell’indagine. Indagini che devono andare avanti per scoprire chi si è comportato bene e chi ha sbagliato e sono certo che la verità sarà chiarita e che ne uscirò a testa alta". Piena disponibilità ad andare in Procura a Napoli da parte di Cristiano Di
Pietro, figlio del leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro ed ex Pm di "Mani Pulite" indagato nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Napoli "Magnanapoli".  "In questi giorni _ha detto ancora Di Pietro _ ho ricostruito mentalmente tutto quello che ho fatto da amministratore e posso dirmi orgoglioso di aver lavorato per il Molise e i molisani".
L’inchiesta sulle attività del Provveditorato alle Opere Pubbliche di Campania e Molise è il prossimo impegno dei Pm napoletani.  Dopo aver chiuso le indagini sugli appalti napoletani, i magistrati puntano a definire responsabilità individuali delle persone finora iscritte nel registro degli indagati.
Cristiano Di Pietro si dice orgoglioso di aver lavorato per il Molise e per i molisani, ribadisce di aver agito nell’interesse della propria regione e dei propri concittadini. "Aspetto serenamente che i giudici di Napoli mi chiamino per dare il mio contributo alle indagini, come cittadino e amministratore" ha detto ancora sottolineando di di aver appreso dalla stampa di essere stato iscritto sul registro degli indagati per l’inchiesta sugli appalti. Sul figlio dell’ex Ministro alle Infrastrutture, era stata indirizzata in Procura una informativa della Dia circa il ruolo dell’ex provveditore ai lavori pubblici in Campania e Molise Mario Mautone. Le telefonate tra Di Pietro Junior e Mautone tra il 2006 al 2007 quando Antonio Di Pietro era ministro alle Infrastrutture saranno approfondite. L’ipotesi è che alcune conversazioni siano riconducibili a uno sfondo di interessi clientelari.
MYSOCIAL (condividi l'articolo sul tuo social preferito)
 

myNews.iT - Commenti  

 
# Un pò d'orgoglioMolisano 25-01-2009 alle ore 22:14
... cerca di imitare tuo padre. Dimettiti dal consiglio provinciale !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# vedremo 25-01-2009 alle ore 22:14
meno male che è orgoglioso di quello che ha fatto..quelle belle telefonate per raccomandare gli amici
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# anonimo 25-01-2009 alle ore 22:31
se sei corente come tuo padre ti devi dimettere dalla provincia, così è troppo facile
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Arte e Cultura

Sabato, 11 Maggio 2019

A Termoli mostra d'arte con 26 artisti: La Dimora dei Sogni

TERMOLI - Sono 26 gli artisti tra pittori e scultori non solo molisani, protagonisti della mostra d'arte contemporanea dal titolo "L...

Altri Articoli: Arte e Cultura

Viaggi

Domenica, 24 Agosto 2014

Percorso tra Storia, Ulivi e Paesaggi

SPECCHIA - In questo mese di Agosto nasce la voglia e la passione per intraprendere un viaggio più che affascinante ...

Altri Articoli: Viaggi

Salute e Scienze

Mercoledì, 27 Febbraio 2019

Malattie reumatiche ed osteoporosi: parla lo specialista Paoletti

TERMOLI - Le malattie reumatiche sono notevolmente diffuse, altamente invalidanti e riducono la qualità e l'aspettativa di vita. Ce ne ...

Altri Articoli: Salute e Scienze

myVoice

Venerdì, 27 Luglio 2018

Trovata morta in casa,lettera dei colleghi del Centro impiego del Molise:lotteremo anche per te

TERMOLI - "Cara Flavia, è difficile scriverti queste poche righe perché la nostra mente si rifiuta di credere che tu ...

Altri Articoli: MyVoice